I concorsi a cattedra saranno riformati

Nella bozza del testo di riforma dei concorsi a cattedra si prevede che, per accedere ai prossimi concorsi, basterà la laurea e aver conseguito 24 crediti formativi in discipline antropo – psico -pedagogiche ed in metodologie e tecnologie didattiche. Saranno esentati dal conseguimento dei CFU e CFA i soggetti in possesso di abilitazione per altra classe di concorso o per altro grado di istruzione,

Saranno esentati”

I soggetti in possesso di abilitazione per altra classe di concorso o per altro, fermo restando il possesso del titolo di accesso alla classe di concorso ai sensi della normativa vigente.

Per i precari storici che abbiano svolto, nel corso degli otto anni scolastici precedenti l’avvio delle procedure concorsuali almeno tre annualità di servizio, anche non successive su posto comune o di sostegno, si prevede la possibilità di partecipare per un numero di posti riservati pari al 10%.

Il concorso diventa abilitante all’insegnamento per le medesime classi per le quali si partecipa.

Non ci saranno idonei, ma la graduatoria a fine concorso, sarà composta da un numero di soggetti pari, al massimo, ai posti messi a concorso e le graduatorie avranno valenza biennale.

Le prove concorsuali saranno: due prove scritte una orale. Quest’ultima avrà l’obiettivo di valutare il grado delle conoscenze e competenze dei candidati nelle discipline facenti parte della classe di concorso.

Per il sostegno, le prove saranno due: uno scritto e un orale.

Viene cancellato il FIT, il percorso triennale di formazione dei docenti previsto dalla legge 107/2015. Chi vincerà il concorso farà un anno di prova e di formazione come supplente, quindi sarà assunto in ruolo.

Chi vince assume l’obbligo di rimanere 4 anninella stessa scuola in cui ha svolto l’anno di prova.

Saranno aboliti gli ambiti territoriali, per cui i docenti saranno nuovamente nominati su scuola.

Gennaio 2019

Gennaio 2019

Editoriale

La formazione on the job per un sapere fertilizzato dall’esperienza lavorativa

di Ivana Summa

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: approfondimenti

La formazione in servizio tramite una pluralità di modelli

di Luciano Lelli

 

Dalle funzioni dei sistemi educativi al ruolo dei docenti

di Feldia Loperfido e Giuseppe Ritella

 

La formazione dei docenti: inderogabile, permanente e strutturale

di Marco Pellizzoni e Borra Stefania

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: attualità

Dentro la notizia giornalistica: agenzie, quotidiani e comunicatori… alla prova dei fatti

di Alessandro Ferioli

 

Un nuovo regionalismo per la scuola

di Gian Carlo Sacchi

 

SCUOLA DELL’INFANZIA

Il teatro nella scuola dell’infanzia: come e perché

di Claudia Forni

 

Avventure in moto. Facciamo finta che… Immagini, racconti, parole

di Alessia Sansoni

 

SCUOLA PRIMARIA

Logica, previsione, metacognizione: il gioco degli scacchi

di Rosanna Rinaldi

 

Alla fine della storia

di Rita Quinzio

 

SCUOLA SECONDARIA I GRADO

Ulisse: viaggio nel personaggio dai tanti volti

di Michela Agazzani

 

Senza por tempo in mezzo, il Consiglio di classe riflette sul da farsi…

di Mimosa Crestani

 

“Ritratto di spalle” l’eroe romantico e i rapper maledetti

di Francesca Falsetti

 

SCUOLA SECONDARIA II GRADO

Hunger Games e il mito di Teseo

di Laura Azzoni

 

Per un’educazione alla cittadinanza digitale

di Elisabetta Imperato

 

ISTRUZIONE DEGLI ADULTI

Cittadini del Mondo... Una sfida per i CPIA

di Rosalba Cardamone

 

Rubriche

 

Le Parole della Scuola

Continuità

di Ivana Summa

 

Arte Musica e Spettacolo

Tratti & Ritratti

di Nicoletta Tomba

 

Legislazione e normativa scolastica

Il disegno di legge sulla videosorveglianza negli asili nido e nelle scuole dell’infanzia

di Anna Armone

Questo sito web utilizza i cookie per essere sicuri di ottenere la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo