Quali possibili obiettivi per una valutazione iniziale

di Nicoletta Calzolari

Le Indicazioni Nazionali sottolineano che " La valutazione precede, accompagna e segue i percorsi curricolari." ed è proprio nel concetto di precedere che possiamo collocare la valutazione iniziale. All'inizio di ogni anno scolastico, indipendentemente dall'età degli/lle alunni/e, durante i primi mesi di scuola organizzo ambienti, attività, giochi, con lo scopo di  effettuare osservazioni, più o meno sistematiche, che mi permettano di conoscere e comprendere i bambini monitorando le loro caratteristiche e i loro cambiamenti. L'osservazione diviene lo strumento che consente di raccogliere le informazioni necessarie al fine di proporre percorsi e progetti didattico-educativi coerenti con la situazione reale in cui mi trovo ad operare. La valutazione iniziale, o diagnostica, ha come scopo principale quello di conoscere gli alunni e il gruppo classe-sezione. Dal momento che per valutare un microsistema ( la sezione composta da specifici alunni) abbiamo bisogno di effettuare delle misurazioni, dobbiamo chiarire quali dati vogliamo analizzare e come vogliamo raccorglierli; inoltre dobbiamo definire l'oggetto della nostra osservazione/rilevazione. Dipendentemente dall'età degli alunni possiamo ragionare in merito a cosa sia utile ed indispensabile valutare ad inizio anno scolastico.

 

   Leggi nella rivista n° 1 2018/2019 pag 23 ...    

Gennaio 2019

Gennaio 2019

Editoriale

La formazione on the job per un sapere fertilizzato dall’esperienza lavorativa

di Ivana Summa

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: approfondimenti

La formazione in servizio tramite una pluralità di modelli

di Luciano Lelli

 

Dalle funzioni dei sistemi educativi al ruolo dei docenti

di Feldia Loperfido e Giuseppe Ritella

 

La formazione dei docenti: inderogabile, permanente e strutturale

di Marco Pellizzoni e Borra Stefania

 

TEMI E PROBLEMI DI SCUOLA: attualità

Dentro la notizia giornalistica: agenzie, quotidiani e comunicatori… alla prova dei fatti

di Alessandro Ferioli

 

Un nuovo regionalismo per la scuola

di Gian Carlo Sacchi

 

SCUOLA DELL’INFANZIA

Il teatro nella scuola dell’infanzia: come e perché

di Claudia Forni

 

Avventure in moto. Facciamo finta che… Immagini, racconti, parole

di Alessia Sansoni

 

SCUOLA PRIMARIA

Logica, previsione, metacognizione: il gioco degli scacchi

di Rosanna Rinaldi

 

Alla fine della storia

di Rita Quinzio

 

SCUOLA SECONDARIA I GRADO

Ulisse: viaggio nel personaggio dai tanti volti

di Michela Agazzani

 

Senza por tempo in mezzo, il Consiglio di classe riflette sul da farsi…

di Mimosa Crestani

 

“Ritratto di spalle” l’eroe romantico e i rapper maledetti

di Francesca Falsetti

 

SCUOLA SECONDARIA II GRADO

Hunger Games e il mito di Teseo

di Laura Azzoni

 

Per un’educazione alla cittadinanza digitale

di Elisabetta Imperato

 

ISTRUZIONE DEGLI ADULTI

Cittadini del Mondo... Una sfida per i CPIA

di Rosalba Cardamone

 

Rubriche

 

Le Parole della Scuola

Continuità

di Ivana Summa

 

Arte Musica e Spettacolo

Tratti & Ritratti

di Nicoletta Tomba

 

Legislazione e normativa scolastica

Il disegno di legge sulla videosorveglianza negli asili nido e nelle scuole dell’infanzia

di Anna Armone

Questo sito web utilizza i cookie per essere sicuri di ottenere la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo